La Medicina Omeopatica comprende due indirizzi metodologici: la Medicina Omeopatica Unicista
e la Medicina Omeopatica Pluralista, che prevede la prescrizione di più rimedi omeopatici allo stesso
paziente. Vi sono altri metodi prescrittivi basati sull’utilizzo di sostanze sottoposte a processi di diluizione e dinamizzazione, che si riuniscono sotto il nome di omeoterapie (definizione FIAMO). Tali metodi sono spesso definiti impropriamente “omeopatia”. Elenchiamo brevemente i più utilizzati con le loro rispettive caratterizzazioni.

L’omotossicologia è un metodo diagnostico, clinico e terapeutico, derivato dalla Medicina Omeopatica, formulato nella seconda metà del XX° secolo dal medico tedesco Hans Heinrich Reckweg, che si avvale di una sua caratteristica base teorica e metodologica, diversa da quella omeopatica, e di una sua peculiare strategia terapeutica. La parola Omotossicologia deriva dal concetto di “Omotossina” cioè qualsiasi molecola endogena o esogena capace di provocare un danno biologico all’organismo. L’Omotossicologia interpreta la malattia come espressione della lotta fisiologica dell’organismo che tende a eliminare le “omotossine” e/o come espressione del tentativo dell’organismo di compensare i danni omotossici subiti. L’Omotossicologia utilizza medicinali omeopatici unitari e complessi, anche non sottoposti a sperimentazione patogenetica pura, ma comunque fabbricati alla maniera omeopatica.
L’Omotossicologia e l’Omeopatia presuppongono una formazione professionale specifica. Il complessismo è una terapia che limita le modalità di prescrizione alla semplice sindrome clinico-sintomatologica, senza esigere la classica personalizzazione del paziente. Non esistono una base teorica o un metodo clinico e prescrittivo peculiari per il Complessismo: la prescrizione del complesso omeopatico viene effettuata sugli schemi nosologici della Medicina Ufficiale, con le stesse modalità del “farmaco” convenzionale. Il Complessismo utilizza medicinali omeopatici esclusivamente complessi, composti da più unitari in schema fisso.
L’immunoterapia omeopatica è una terapia di modulazione del Sistema Immunitario attraverso sostanze attive sullo stesso, derivate dagli studi della Medicina Ufficiale. L’Immunoterapia Omeopatica utilizza medicinali complessi con modalità sovrapponibili al Complessismo. L’organoterapia è la prescrizione del medicinale Organoterapico mirata semplicemente sull’organo da trattare, con effetto di stimolo o regolazione o inibizione delle relative funzioni. L’Organoterapia utilizza medicinali unitari fabbricati omeopaticamente, a partire da vari tessuti e organi. L’isoterapia è una terapia che non utilizza il rimedio “simile (omoios)”, ma “identico (isos)“: si somministra cioè la stessa sostanza che ha provocato uno stato patologico, la quale, preparata omeopaticamente, può avere un effetto curativo. L’Isoterapia utilizza medicinali omeopatici unitari e complessi. Il Complessismo, l’Immunoterapia Omeopatica, l’Isoterapia, l’Organoterapia, non presuppongono una formazione professionale specifica.
 

OMEOTERAPIA

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now